La tecnica del Riesame Psicologico Serale

La tecnica del riesame psicologico serale, quale preziosa abitudine all'autoanalisi e potente stimolo di crescita personale a tutti i livelli del nostro Essere
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il Riesame Psicologico Serale è sostanzialmente un mezzo di autoanalisi e di consapevolezza interiore. Viene qui annoverato tra le tecniche psicosintetiche, dal momento che in questo ambito se ne fa specifico uso. Va però precisato che si tratta di una tecnica oggi utilizzata negli ambiti più disparati, da quelli spiritualmente orientati, a quelli strettamente focalizzati sulla realizzazione personale.

Molte persone, oggi come in epoche passate, coltivano la sana abitudine di passare in rassegna i propri comportamenti, stati d’animo, motivazioni, intenzioni e pensieri alla luce di una scala personale di valutazione, basata sui propri valori più autentici.   

Riesame serale psicologico - Psicologo Online
Riesame Psicologico Serale – immagine da unsplash.com

Finalità e obiettivi del Riesame Psicologico Serale

Per amore di completezza è opportuno specificare che un Riesame Psicologico Serale offre una maggiore opportunità di consapevolezza sullo stato globale del proprio Essere se utilizzato come complemento e cartina al tornasole della saggia abitudine di formulare quotidianamente (o comunque periodicamente) intenzioni, propositi e obiettivi della nostra vita

Un Riesame Psicologico finalizzato alla valutazione delle nostre capacità creative e realizzative è ad esempio un importante momento di confronto con noi stessi, per prendere atto dell’effettivo avanzamento delle nostre capacità in questo ambito. La fase di confronto tra gli obiettivi e i risultati è di grande importanza per verificare i nostri effettivi successi, qualsiasi sia l’ambito in cui ci misuriamo.

Quando nella nostra vita la crescita interiore e l’integrazione di aspetti psico-spirituali iniziano ad assumere un ruolo di primo piano, l’abitudine ad effettuare un accurato riesame serale della nostra sfera psichica nella sua globalità diviene un importante appuntamento quotidiano con noi stessi. Quanto più la nostra coscienza acquista la capacità di espandersi nei territori più luminosi dell’animo umano, tanto più è impellente in noi la necessità di un confronto costante con il modello ideale di noi stessi, formulato sulla base delle più elevate intuizioni sulla natura del nostro Sé.

Un serio Riesame Psicologico Serale è dunque finalizzato a consentirci di acquisire una più piena consapevolezza e padronanza di tutto ciò che riguarda la nostra vita. In particolare, ripercorrere giorno dopo giorno il senso e i contenuti delle proprie azioni, delle proprie emozioni e dei propri pensieri, aiuta a mantenere la concentrazione sul momento presente e soprattutto a renderci consapevoli della nostra responsabilità personale per le conseguenze di tutto ciò che manifestiamo.

Elementi che possono essere oggetto di Riesame

Michael W. Austin, professore di Filosofia alla Eastern Kentucky University, in un articolo dal titolo “The Lost Practice of Self-Examination ci ricorda che Seneca, il grande filosofo Romano, osservava la quotidiana consuetudine di chiedere a se stesso:

  • Quale abitudine negativa ho migliorato oggi?
  • A quale tentazione ho saputo resistere?
  • Per quale specifica ragione posso affermare di essere oggi un uomo migliore di quanto non lo fossi ieri?

Austin prosegue poi affermando che altri ambiti su cui possiamo dirigere il focus del nostro riesame psicologico serale sono ad esempio la verifica di quali virtù siamo stati in grado di esprimere nel corso della giornata: coraggio, onestà, compassione, o altro? Possiamo poi concludere chiedendoci se abbiamo trattato gli altri con rispetto, se siamo stati corretti con noi stessi e gli altri e se, come suggerisce il Dalai Lama, nel corso della giornata abbiamo avuto un cuore gentile.

Abbiamo dunque a disposizione una gamma piuttosto ampia di interrogativi che possiamo porre a noi stessi. Molto dipende da quali sono i valori fondamentali della nostra vita a cui desideriamo attenerci, da quali sono le questioni che più ci sanno offrire ispirazione e da quanto, in parole povere, teniamo alla nostra crescita interiore. 

Riesame psicologico serale, cambiamento psicologico e crescita personale

Se il nostro bisogno di confronto con noi stessi richiede una spinta più decisa verso le nostre interiorità, il riesame psicologico serale potrà assumere non solo il ruolo di revisione delle nostre azioni e dei nostri pensieri, ma anche quello di un’autentica autoanalisi formativa. Un riesame psicologico serale svolto correttamente e continuativamente, sviluppa enormemente le capacità introspettive, fino a renderci consapevoli dei nostri schemi abituali di pensiero.

Consente di divenire consapevoli del proprio passato e del proprio presente. Abbiamo l’opportunità di pianificare saggiamente il nostro futuro, scoprendo di essere pienamente responsabili del nostro futuro.

Questa pratica incoraggia la trasmutazione dell’esperienza e della conoscenza in saggezza che, fusa con l’immaginazione, evoca ideali e vibrazioni superiori, e li intreccia consapevolmente nella sostanza del proprio essere. In questo modo siamo davvero liberati dal passato.

Esempio di rivista serale

Abbiamo già accennato alle domande che possiamo porre a noi stessi per rivedere le azioni e gli stati d’animo della giornata. E’ però di grande aiuto, soprattutto all’inizio, fare riferimento ad uno schema di riesame serale almeno parzialmente strutturato.

Un fondamentale scopo di questo lavoro è sostanzialmente quello di apprendere ad osservare noi stessi con la saggezza del giusto distacco dal nostro agire quotidiano, come se stessimo effettuando una valutazione obiettiva della vita di un’altra persona. Assumendo il punto di vista dell’osservatore, possiamo con più facilità porci nella posizione di chi, come un buon amico o qualcuno che tiene molto a noi, può offrire spunti illuminanti di autoanalisi.

Cerchiamo di rilassarci il più possibile, aiutandoci con qualche respirazione profonda. Abbandoniamo ogni tensione, acquietiamo le nostre emozioni e portiamo tutto il nostro essere ad uno stato di raccoglimento interiore.

Ora cerchiamo di assumere il punto di vista dell’Osservatore. Proviamo ad osservare l’intero sviluppo della nostra giornata come se stessimo guardando un filmato.
E’ sempre preferibile partire dagli avvenimenti più recenti, ripercorrendo la giornata a ritroso, fino al mattino.

E’ possibile che si susseguano in noi una serie di stati emotivi, legati al rivivere la nostra giornata. Dovremmo, quanto più è possibile, limitarci ad osservarli e ad analizzare con quanta più saggezza possibile (come se fossimo per noi stessi un maestro o una guida) antecedenti e conseguenze del nostro agire.

Il riesame psicologico serale ha l’obiettivo di renderci sempre più consapevoli di noi stessi, delle nostre qualità come dei nostri limiti, al fine di procedere verso un costante miglioramento. E’ dunque molto importante imparare a renderci conto della capacità che abbiamo di influenzare le situazioni entro il nostro ambiente di vita.

Possiamo poi concludere cercando sinteticamente di confrontare la nostra giornata nel suo complesso con l’essenza dei nostri valori più autentici. Esprimiamo nel contempo la ferma intenzione di assomigliare sempre più perfettamente al modello ideale di persona che vogliamo essere.

Se ne avvertiamo la necessità, possiamo trascrivere alcune delle nostre riflessioni su un diario quotidiano. Questo strumento, abbinato alla preziosa abitudine di riflettere quotidianamente su noi stessi, è un potente fattore di crescita.

Avvertenza:

Può capitare che alla sera, a seguito della stanchezza accumulata nel corso della giornata, effettuare il riesame psicologico possa risultare faticoso. Oppure può esserci la tendenza ad addormentarsi per la troppa stanchezza. Nulla vieta in casi come questi di procedere al riesame al mattino successivo. In questo caso, può addirittura essere più semplice assumere la posizione dell’osservatore.

Hai provato questo esercizio e vuoi farci sapere le tue impressioni? Puoi farlo utilizzando lo spazio dedicato ai commenti dei lettori. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *