Fisica Quantistica e Psicologia. Un universo affascinante

Fisica Quantistica e Psicologia si incontrano. Approfondimenti e curiosità sulla nascente disciplina della Psicologia Quantistica.
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Diversi anni fa mi appassionai a quella disciplina che potremmo oggi definire “Psicologia Quantistica“. Era il periodo in cui approfondivo questa affascinante materia per poter completare la mia tesi di laurea in Psicologia dal titolo “Il contributo della Fisica Quantistica allo studio della Coscienza“.

Come è facile rendersi conto fin dai primi approcci alla materia, un ambito di studio così misterioso, affascinante e illuminante, rischia di prestarsi ad infinite speculazioni da parte di chiunque desideri “dimostrare” anche le ipotesi più fantasiose ed improbabili.

Alcune ipotesi dei fisici, fin dai primi anni del Novecento, sono state così sbalorditive ed incredibili (besti pensare alla cosiddetta “Interpretazione a Molti Mondi“), che il loro impatto sulla nostra conoscenza della realtà probabilmente non è ancora del tutto chiaro. E nessuno può sapere a quali scenari incredibili l’evoluzione del lavoro degli scienziati ci potrà condurre.

In linea con i contenuti del sito, verranno qui accolti alcuni tra gli infiniti interrogativi che possono sorgere sul rapporto tra Psicologia e Fisica Quantistica. Verranno però riportate solamente le argomentazioni in grado di estendere la nostra consapevolezza sulla Vita in generale, aggiungendovi ricchezza interiore ed interesse.

Fisica Quantistica e Psicologia - Psicologo Online
Fisica Quantistica e Psicologia – Immagine da Pixabay.com

“La terra di nessuno tra fisica e psicologia dell’inconscio […] la più affascinante e tuttavia la più oscura riserva di caccia dei nostri tempi…”

Carl Gustav Jung

Qual'è l'argomento di cui vorresti parlare ?

Se desideri proporre un approfondimento sull’ambito psicologico di cui si parla in questa pagina, puoi aprire una discussione mediante il modulo dei commenti che trovi qui di seguito.
Per agevolare l’individuazione della tematica trattata, a beneficio di tutti i lettori, vi chiediamo cortesemente di inserire un titolo descrittivo nella prima riga.
Grazie a tutti per la preziosa collaborazione nel voler proporre suggerimenti!

4 commenti su “Fisica Quantistica e Psicologia. Un universo affascinante”

  1. Fisica Quantistica: rapporto tra Carl G.Jung e Wolfgang Pauli

    Cercando informazioni in internet sull’interessante rapporto tra la fisica quantistica e la psicologia si finisce spesso in siti che più che di psicologia parlano di “new age” e di aspetti che hanno ben poco a che vedere sia con la fisica, che con la psicologia.
    L’impressione mia è che vi siano persone che, basandosi sulle scoperte dei primi teorici della meccanica quantistica, si siano presi la libertà di utilizzarle per spiegare aspetti che probabilmente non erano minimamente nelle intenzioni di questi scienziati, alcuni dei quali sono stati insigniti del Premio Nobel per la fisica.
    Uno di questi era Wolfgang Pauli. Il suo rapporto con Carl Gustav Jung sembra aver prodotto alcune tra le più feconde idee dello psichiatra svizzero. E’ stato davvero così importante questo rapporto per lo sviluppo della psicologia di Jung? Che cosa ne pensa lei, in generale, del rapporto tra fisica quantistica e psicologia?
    Grazie.

    1. Credo che una risposta parziale ai suoi interrogativi sia già stata affrontata quando abbiamo parlato di Psicologia Quantistica e Benessere Psicologico.
      Ci limiteremo pertanto qui a prendere in considerazione la parte restante, relativa al fecondo rapporto tra Carl Gustav Jung e Wolfgang Pauli.
      Innanzitutto consiglierei la lettura del testo seguente. Contiene numerose preziose informazioni sul rapporto tra queste due personalità geniali. Non è sempre di immediata comprensione per chi non abbia già familiarità con alcuni aspetti della Fisica, ma vale senza dubbio la pena leggerlo anche solo per il fascino che un certo tipo di visione scientifica riesce a suscitare nel lettore.

      L’equazione dell’Anima

      Jung non fu il diretto analista di Pauli, dal momento che venne seguito direttamente da un’allieva di Jung. Il materiale onirico prodotto dallo scienziato interessò però profondamente lo psichiatra svizzero, che vi trovò una quantità di “materiale arcaico” così significativa da offrirgli un grande supporto alle sue teorie sull’Inconscio Collettivo. In particolare, i sogni di Pauli erano ricchi di elementi riconducibili ai cosiddetti “Archetipi”, che costellano questa sezione dell’inconscio.
      Com’è noto, Jung era fortemente interessato ad una reinterpretazione psicologica dell’Alchimia, e proprio i circa 1.500 sogni prodotti da Pauli furono una delle fonti più interessanti da cui egli seppe far emergere preziose intuizioni.
      Il nome di Jung è spesso legato al concetto di “sincronicità“. In un breve saggio dal medesimo titolo, egli espone, proprio con la collaborazione di Pauli, l’esistenza di “un principio di nessi acausali” consistente in un legame tra due eventi che si presentano contemporaneamente, tra loro senza dubbio legati, ma non in modo tale che uno dei due possa essere in grado di influenzare materialmente l’altro.
      A questo proposito è ben nota un curioso aneddoto sulla vita dello scienziato: “l’effetto Pauli”. I colleghi di Pauli avevano osservato ripetutamente l’insuccesso degli esperimenti, a causa di malfunzionamenti dei macchinari, nelle occasioni in cui egli era presente in laboratorio. Si tratta ovviamente di qualcosa che può suscitare scetticismo e ilarità, ma il fatto che sia stato così definito da scienziati intenti a studiare in laboratorio le sbalorditive formulazioni teoriche della fisica di inizio Novecento, lo rende forse degno di qualche riflessione in più.
      In sostanza Jung e Pauli furono entrambi concordi nell’affermare che psiche e materia dovessero essere intese come parti complementari di una medesima realtà. Entro questa realtà, i principi ordinatori sarebbero gli Archetipi. Per fare questo, essi dovrebbero appartenere ad un dominio che va si estende oltre la materia e la psiche.
      E come è lecito supporre, si tratta di ambiti scientifici così affascinanti e per il momento in gran parte misteriosi, che ancora oggi le domande superano di molto le risposte…

  2. Psicologia Quantistica e Benessere psicologico

    Gradirei sapere se la Psicologia Quantistica può in qualche modo offrire qualche strumento interessante ai fini del benessere psicologico. Spesso infatti sembra più che altro una disciplina speculativa e fine a se stessa…

    1. Come è facile rendersi conto leggendo libri o pagine web dedicate alla Psicologia Quantistica o alla Fisica Quantistica in generale, questo affascinante ambito di ricerca rischia di finire in mano a chiunque desideri trovare un fondamento scientifico a teorie che hanno più a che fare con la “new age” che con la Psicologia.
      Diciamo innanzitutto che se la Fisica Quantistica ha consegnato alla comunità scientifica ipotesi che possono tranquillamente essere definite “incredibili”, questo non significa che ogni ipotesi incredibile debba di conseguenza trovare un fondamento nella Fisica Quantistica.
      Purtroppo molte delle applicazioni che potremmo definire “pratiche” proposte nel corso degli anni hanno un po’ il sapore dell’illusorietà. Se fin dai tempi dell’Interpretazione di Copenhagen alcuni scienziati (insigniti poi del Nobel per la Fisica) hanno sostenuto l’ipotesi di un fondamentale contributo della coscienza dell’osservatore nella determinazione della realtà, credo che nessuno di loro abbia mai affermato che questo possa significare che possiamo creare con la mente qualsiasi fantastica realtà in grado di scaturire dalla nostra più sfrenata fantasia.
      Personalmente, pur rimanendo molto aperto alle più innovative ipotesi scientifiche, apprezzo sempre tutti quegli atteggiamenti che si dimostrano prudenti prima di annunciare svolte epocali.

      Trovo che l’applicabilità della Psicologia Quantistica alla vita quotidiana, proprio sulla base di questo principio di prudenza, possa per il momento avere una natura di tipo più che altro filosofico. In linea con i principi generali di questo sito, le ipotesi psicologiche basate sulle scoperte della Meccanica Quantistica non possono a mio avviso avere altra applicabilità se non quella di aiutarci ad accettare l’enorme complessità della realtà che ci circonda.
      Non credo possa essere intellettualmente onesto promettere alle persone di poter intervenire potentemente sulla propria realtà quotidiana semplicemente “pensando” a qualcosa di diverso. Rimango sempre dell’opinione che la nostra realtà, in qualche modo, sia senza dubbio legata alla nostra coscienza, ma più che altro perchè quest’ultima necessita della prima per potersi sviluppare nella maniera più ampia ed illuminata possibile. Sono sempre piuttosto persuaso del fatto che un autentico Benessere Psicologico non possa essere banalmente il frutto di una realtà appagante. Una Psicologia del Benessere completa e avanguardistica dovrebbe, a mio avviso, puntare molto di più sull’espansione della nostra consapevolezza relativamente al senso della Vita e delle sue meravigliose possibilità, e all’integrazione nella coscienza degli aspetti appartenenti all’ambito del Sé Transpersonale.

      L’applicazione più importante credo rimanga comunque quella di poterci aiutare ad uscire dai limiti della Psicologia più materialista, che vede la coscienza semplicemente come un epifenomeno del cervello, invece di accoglierla nella sua in gran parte ancora misteriosa natura. Ne abbiamo parlato in un apposito articolo sull’introduzione alla Psicologia Quantistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LO PSICOLOGO RISPONDE

Tutti gli Argomenti

Psicologia e Potere della Volontà

Psicologia e potere della Volontà

Argomenti di discussione sul Potere della Volontà. Domande e risposte su una delle funzioni psichiche più importanti e allo stesso tempo trascurate

Resilienza Psicologica - Psicologo Online

Rafforzare la Resilienza Psicologica

Argomenti di discussione sulla Resilienza Psicologica. Preziosa qualità umana che consente lo sviluppo di risorse psicologiche spesso inaspettate di fronte ai momenti di crisi

benessere psicologico

Benessere Psicologico

Approfondimenti sulle tematiche relative al Benessere Psicologico e alla Salute Mentale. Strumenti psicologici per il benessere e la realizzazione personale

Crisi psicologica ed esistenziale

Crisi Psicologica ed Esistenziale

La Crisi Psicologica ed Esistenziale come crisi di senso e di valori. Un approfondimento sulla ricchezza psicologica dei nostri più profondi momenti di riorientamento

Potrebbe interessarti anche:

La bellezza dell’Uomo

Veder brillare un cielo notturno è un’esperienza sempre più rara a causa delle condizioni sfavorevoli del cielo notturno nelle grandi città. Eppure, anche non vedendolo, anche solo immaginandolo, trasmette un