R. Assagioli – L’Atto di Volontà

Roberto Assagioli descrive la Volontà come la funzione psicologica più importante ma più trascurata. La Volontà può essere potenziata con i giusti stimoli
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Secondo la descrizione di Roberto Assagioli, la Psicosintesi può essere definita come “un processo di crescita che si basa sull’integrazione di tutti gli aspetti della personalità intorno all’Io, centro di coscienza e Volontà”. La Volontà è dunque uno dei principali pilastri di questo processo, a cui Assagioli ha dedicato questo intero testo. In esso viene innanzitutto ribadito che la Volontà è una funzione psichica che, al pari di tutte le altre, può essere allenata e rinforzata, tenendo ben presente che essa ha un ruolo direttivo e regolatore di tutte le altre funzioni. Assagioli rappresenta graficamente l’intreccio delle funzioni psichiche mediante un diagramma a “stella”, nel quale appare evidente il ruolo centrale della Volontà.

Egli afferma che la Volontà, intesa come sforzo consapevolmente applicato per raggiungere un fine, è solo un particolare aspetto di questa funzione, che viene definita Volontà Forte. Un altro importante aspetto è quello definito come Volontà Sapiente, ovvero la capacità di ottenere i risultati desiderati con il minimo sforzo possibile. A tal fine è molto utile impegnarsi nella non semplice attività di “conoscenza di Sé”, dal momento che ciò consente l’attivazione di aspetti (impulsi, desideri, ecc.) che hanno già in noi una certa tendenza a produrre azioni specifiche. Esisterebbe poi una Volontà Buona, definibile come la capacità di impegnarsi ad inseguire mete giuste ed opportune, senza dimenticare la Volontà Transpersonale, corrispondente all’ambito in cui il nostro Sé Transpersonale si connette al nostro Io.

E’ questo un concetto che ha molti elementi in comune con i bisogni superiori, o dell’anima, indicati al vertice della piramide di Abraham Maslow, In questo ambito, la volontà dell’Io diviene una con quella del nostro Sé Transpersonale. Un altro aspetto a cui viene dato particolare rilievo nel testo è quello del rapporto tra volontà e immagini, idee e figure mentali. Assagioli, oltre ad un inconscio strutturato come quello definito dalla psicoanalisi classica, individua anche un inconscio “plastico”, definito da tutte le immagini che registriamo dall’ambiente. Queste immagini agirebbero dentro di noi come forze viventi secondo quanto previsto dal funzionamento di dieci leggi psichiche che vengono dettagliate nel testo.
La prima legge ad esempio afferma che: “Le immagini o figure mentali e le idee tendono a produrre le condizioni fisiche e gli atti esterni ad esse corrispondenti”. Ciò significa quindi che ogni idea è un’azione allo stato latente, ogni immagine contiene in sè un elemento motore. La volontà può essere applicata per scegliere ed evocare coscientemente ed intenzionalmente le immagini e le idee che aiutano a produrre le azioni desiderate. Immagini di coraggio e di nobili intenti possono infatti evocare atti coraggiosi.

Assagioli Volontà Stella Funzioni Psicologiche

  1. Sensazione
  2. Emozione – Sentimento
  3. Impulso – Desiderio
  4. Immaginazione
  5. Pensiero
  6. Intuizione
  7. Volontà
  8. “IO” o Sé personale

In maniera simile la terza legge prevede invece che: “Le idee e le immagini tendono a suscitare le emozioni ed i sentimenti ad esse corrispondenti”. Il meccanismo è pertanto in linea con quello previsto per la prima legge, ma relativamente alle emozioni. La volontà può pertanto mobilitare anche le nostre le emozioni oltre che le azioni.

L’intento dell’autore, nel formulare queste dieci leggi, è quello di ricordare che un’azione diretta che si oppone a forze psichiche potenti come immagini, emozioni ed impulsi, ha scarse possibilità di successo. La soluzione consisterebbe piuttosto nell’applicazione della volontà sapiente, ovvero di un uso intelligente di una serie di principi che consentono di armonizzare e dirigere immagini ed emozioni ai fini dell’ottenimento di uno scopo, evitando lo spreco di energie con sforzi inefficaci.

Come accennavamo all’inizio, la volontà può essere allenata mediante una serie di tecniche ed esercizi, di cui si fa ampia menzione nel testo. Un esempio è la “Tecnica della sostituzione”. Si tratta sostanzialmente di applicare la volontà sapiente per sostituire un’immagine mentale sgradita con una diversa, più funzionale al nostro benessere psicologico. Anche in questo caso, infatti, il tentativo di sopprimere un’immagine o un’emozione mediante la sola volontà forte può spesso risultare velleitario. Un antico detto spirituale afferma che “l’energia segue il pensiero”, ricordandoci come il semplice orientamento del focus attentivo su un’immagine diversa da quella che occupa insistentemente la nostra mente rafforza la prima e indebolisce la seconda. L’energia si concentra dunque dove focalizziamo il nostro pensiero.

Psicologo Online - L'Atto di VolontàUn’altra utile tecnica è quella delle “Parole Evocatrici”. Le parole sono simboli che racchiudono in potenza la stimolazione dell’attività ad esse associata. Tendono, in altre parole, ad evocare e rendere operativi i significati che rappresentano. E’ dunque possibile fare dei semplici esercizi, come scrivere la parola su un cartoncino da tenere bene in vista, osservandolo più volte al giorno. Oppure, in stato di rilassamento, visualizzare nitidamente la parola con l’occhio della mente, lasciandosi pervadere dalle sensazioni da essa evocate. Ma è anche possibile ripetere verbalmente la parola, o scriverla più volte.

E’ possibile anche utilizzare la tecnica definita del “come se”, ovvero una deliberata assunzione di quegli atteggiamenti e comportamenti che si manifesterebbero se si fosse già in possesso della qualità desiderata. Ciò può essere fatto sia mediante l’uso dell’immaginazione e della visualizzazione creativa che dell’esecuzione di semplici azioni definite e mirate. Un esempio di questa applicazione è già stato illustrato nell’esposizione del “modello ideale”. L’assunto di fondo è sempre il medesimo: dal momento che la volontà può agire solo debolmente in via diretta sulle nostre emozioni e implusi, è preferibile indirizzarla su tutto ciò che avrà un effetto su di essi nei termini illustrati dalle leggi menzionate.

Uno degli spunti più innovativi ed interessanti suggeriti da Assagioli in questo suo testo è forse quello relativo al rapporto tra Amore e Volontà. Dal suo punto di vista uno dei maggiori problemi della nostra epoca deriverebbe dal fatto che spesso manca Amore in chi possiede Volontà e nel rischio di mancanza di Volontà in chi invece possiede la qualità dell’Amore. Amore e Volontà tenderebbero dunque ad essere presenti in proporzione inversa nell’individuo. Egli afferma dunque la necessità di produrre una sintesi. La sintesi non è un semplice compromesso tra i due elementi, è necessario un processo “alchemico” di assorbimento in un’unità superiore dotata di qualità che trascendono, pur inglobando, quelle di ciascuno.

Ed è a questo livello che può e deve entrare in azione la volontà sapiente, l’unica che riesce a “giocare” con gli opposti senza ricorrere al compromesso, sapendoli elevare ed organizzare ad un livello più elevato e di sintesi armonica in cui scompare ogni dualità.

Forse è più semplice comprendere questo fenomeno se lo si considera alla luce dell’assunto fondamentale della Teoria della Gestalt: “Il tutto non è la somma delle parti”. Una melodia non è una somma di note, un dipinto non è una somma di tratti di pennello, un essere umano non è una somma di organi e cellule.

Infine, l’importanza attribuita da Assagioli alla Volontà come elemento di elevazione “spirituale”, oltre che di crescita psicologica, è probabilmente riassumibile al meglio nella frase di Evelin Underhill citata nel testo:

“Divenuta più intensa,
avendo ceduto agli interessi del Trascendente,
la volontà riceve nuovi mondi da conquistare,
nuove forze pari al suo esaltante destino.
Ma anche il cuore qui entra in una nuova dimensione,
comincia a vivere ad alti livelli di gioia:
il mare della delizia,
la corrente delle influenze divine…”


Psicologo Online - Roberto Assagioli volontà

Roberto Assagioli  –  L’Atto di Volontà

“Solo sviluppando le facoltà interiori l’uomo può allontanare i pericoli che derivano dall’aver perso il controllo delle grandiose forze naturali a sua disposizione ed essere divenuto vittima delle sue stesse conquiste.
L’acuta consapevolezza di come sviluppare queste facoltà sia indispensabile per la salvezza e la sopravvivenza stessa dell’umanità, e il rendersi conto che solo così l’uomo può realizzare la sua vera natura, dovrebbe incitarlo ad affrontare questo compito con una intensità di desiderio ed una risolutezza pari a quelle che finora ha dedicato alle sue conquiste esterne.
Fondamentale tra questi poteri interiori, e quello a cui si dovrebbe dare la precedenza, è l’enorme e ancora non realizzata forza della volontà umana.
Allenarla e usarla costituiscono la base di ogni sforzo.
Ciò per due ragioni: la prima è la posizione centrale che la volontà occupa nella personalità dell’uomo e la sua intima relazione con il centro del suo stesso essere, il suo vero io.
La seconda ragione è che la volontà ha la funzione di decidere cosa si deve fare e quella di usare tutti i mezzi necessari per realizzare ciò che ha deliberato, perseverando nonostante tutti gli ostacoli e le difficoltà”…

Le Dieci Leggi Psicologiche – di Roberto Assagioli

  • Prima legge: Le immagini o figure mentali e le idee tendono a produrre le condizioni fisiche e gli atti esterni ad esse corrispondenti.
  • Seconda legge: Gli atteggiamenti e i movimenti e le azioni tendono ad evocare le immagini e le idee corrispondenti, queste, a loro volta (secondo la legge seguente) evocano e rendono più intense le emozioni e i sentimenti.
  • Terza legge: Le idee e le immagini tendono a suscitare le emozioni ed i sentimenti ad esse corrispondenti.
  • Quarta legge: Le emozioni e le impressioni tendono a suscitare ed a intensificare le idee e le immagini ad esse corrispondenti o collegate.
  • Quinta legge: I bisogni, gli istinti, gli impulsi e i desideri tendono a produrre le immagini, le idee e le emozioni corrispondenti. Immagini ed idee, a loro volta (secondo la prima legge) suggeriscono le azioni corrispondenti.
  • Sesta legge: L’attenzione, l’interesse, l’affermazione, e la ripetizione rafforzano le idee, le immagini e le formazioni psicologiche su cui si accentrano.
  • Settima legge: La ripetizione degli atti intensifica la tendenza a compierli e rende più facile e migliore la loro esecuzione, fino a che si arriva a poterli compiere inconsciamente.
  • Ottava legge: Tutte le varie funzioni, e le loro molteplici combinazioni in complessi e sub-personalità, mettono in moto la realizzazione dei loro scopi al di fuori della nostra coscienza, e indipendentemente da, e perfino contro, la nostra volontà.
  • Nona legge: Gli istinti, gli impulsi, i desideri e le emozioni tendono ad esprimersi ed esigono espressione.
  • Decima legge: Le energie psichiche si possono esprimere: 1. Direttamente (sfogo-catarsi); 2. Indirettamente, attraverso un’azione simbolica; 3. Con un processo di trasmutazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche:

Psicologo Online - Viaggio Interiore Individuale

Il Viaggio Interiore Individuale

Nel corso del nostro Viaggio Interiore individuale, possiamo talvolta avvertire la necessità di dare un senso al dolore, alle frustrazioni o a tutto ciò che ci sembra immeritato o incomprensibile