Buoni Propositi

Della psicoterapeuta statunitense e autrice di bestsellers Amy Morin abbiamo già riportato alcune indicazioni prese dai suoi articoli più interessanti. Prendiamo ora spunto da un nuovo articolo dedicato ai suggerimenti per mantenere i buoni propositi per il nuovo anno (1), traendone qualche informazione di interesse più generale.

Formulare buoni propositi, soprattutto in momenti come i cambiamenti d’anno o i rientri dalle vacanze, è piuttosto semplice o addirittura eccitante. Ci sentiamo spesso carichi di entusiasmo o aspettative. Ma saremo poi in grado di portare a termine gli obiettivi che ci siamo dati? Quante sono le effettive probabilità di riuscire a mantenere i buoni propositi formulati?

Ecco dunque sette suggerimenti che possono rendere meno scoraggiante l’impresa…

Mantenere i Buoni Propositi - Psicologo Online
Mantenere i Buoni Propositi
Immagine da Pixabay.com

1. Stabilire obiettivi chiari e verificabili

Un obiettivo come “voglio essere più in forma” è certamente lodevole, ma che cosa significa esattamente per noi “essere più in forma”? Come potremo poi verificare se siamo procedendo nella giusta direzione?

Ecco quindi che obiettivi più specifici e verificabili come “voglio andare in palestra due volte ogni settimana” oppure “voglio perdere 1 kg ogni settimana, fino ad un totale di 5” possono porci in una prospettiva mentale molto più concreta. Saranno sicuramente più in grado di stimolare la nostra volontà ad agire conformemente.

2. Definire con chiarezza le azioni da compiere

Se intendiamo ad esempio perdere i 5 kg di cui abbiamo appena parlato, è necessario stabilire anche con precisione il modo in cui intendiamo farlo. Ad esempio “mangiare solamente un’insalata, tutti i giorni, una volta al giorno”. Dobbiamo quindi avere un piano d’azione preciso.

3. Prepararsi mentalmente a raggiungere lo scopo

Senza dubbio, dopo un primo entusiasmo iniziale, la motivazione tenderà a sfumare e a farci mancare il suo supporto. E’ quindi importante creare situazioni che in qualche modo ci rendano le cose più facili. L’autrice raccomanda di rendere scomode le cattive abitudini, e comode quelle buone.

Se abbiamo deciso di fare esercizio fisico, potrebbe essere utile tenere l’attrezzatura necessaria in un posto visibile e accessibile. Se l’obiettivo è perdere peso, la scatola dei biscotti o il vaso della Nutella andranno collocati nell’angolo più remoto della cucina.

4. Anticipare mentalmente gli ostacoli futuri

Per avere maggiori probabilità di successo nel mantenere i buoni propositi, potrà risultare di grande utilità anche riuscire ad avere consapevolezza dei possibili ostacoli o delle sfide che dovremo affrontare in futuro.

L’obiettivo della forma fisica potrebbe ad esempio essere minacciato da una serie di pranzi o cene di rappresentanza che le nostre responsabilità lavorative ci impongono. L’obiettivo dell’iscrizione in palestra potrebbe saltare a causa di alcune spese già pianificate e in grado di assorbire buona parte delle nostre disponibilità.

Le variabili in grado di interferire con i nostri propositi che possono essere previste in anticipo devono essere poste sotto controllo mediante un piano preciso di azione. Questo al fine di evitare che queste difficoltà vadano a sommarsi a possibili eventi non prevedibili, il cui verificarsi in concomitanza potrebbe decretare il fallimento dei nostri propositi.

5. Iniziare nel momento più favorevole.

Questo naturalmente non significa attendere mesi o rinviare all’infinito. Significa che ci possono essere dei momenti, nell’immediato futuro, in cui la nostra motivazione, le nostre forze o le nostre disponibilità si trovano in condizioni migliori di quelle attuali. Saper attendere il momento opportuno è senza dubbio un aspetto di saggezza.

6. Tenere traccia dei progressi

Nel tentativo di mantenere i buoni propositi si incontrano inevitabilmente momenti in cui non si ha alcuna percezione di miglioramento. E in questi momenti è molto importante avere a disposizione i dati raccolti nei giorni precedenti in grado di dimostrare che siamo nella giusta direzione.

Possiamo utilizzare una delle numerose App oggi disponibili che aiutano a rendicontare la formazione di nuove abitudini, o più semplicemente annotando giornalmente i dati in un diario. La cosa importante è dimostrare a noi stessi che stiamo procedendo bene, anche se ci possono essere momenti di apparente staticità.

7. Imparare dai propri errori

Sembra piuttosto irrealistico pensare di non cadere talvolta “in tentazione” durante il nostro tentativo di mantenere i buoni propositi. E quando capita, non ci dobbiamo scoraggiare. Uno studio citato dall’autrice dimostrerebbe che gli individui in grado di trarre un insegnamento dai propri passi falsi sono quelli maggiormente candidabili al successo finale. E’ dunque importante comprendere il motivo dell’errore e trasformarlo in un punto di forza a proprio favore.

____________________________________

Riferimenti:

(1) – 7 Tips to Make Sure You Actually Keep Your New Year’s Resolution This Time (www.inc.com)

____________________________________

Altri articoli della psicoterapeuta Amy Morin che puoi trovare in questo sito:

Tredici cose che le persone mentalmente forti non fanno

Tredici errate abitudini e atteggiamenti mentali che, secondo la Psicoterapeuta statunitense Amy Morin le persone mentalmente forti riescono accuratamente ad evitare. Per questo, è necessario sviluppare una chiara consapevolezza di pensieri, emozioni e comportamenti che indeboliscono il nostro potenziale.
Leggi
09/01/2020

Mantenere i buoni propositi

Sette suggerimenti per predisporsi psicologicamente nel miglior modo per avere successo nel mantenere i buoni propositi